COSA HA VERAMENTE DETTO MATTEO RENZI AD “AMICI”

Quando ho sentito che Renzi sarebbe andato ad Amici ho subito pensato che il Marione nazionale lo avrebbe piallato come fece a suo tempo con Fassino, il politico più lungimirante degli ultimi 50 anni come si evince da qui

Quando l’attuale sindaco di Torino andò a C’è posta per te la De Filippi mostrò in video la sua tata e rase così al suolo la sua credibilità in tutti i quartieri d’Italia in cui il metro quadro costa meno di 12mila euro.

Ora non so voi ma io non sono certo nato in una favela eppure in vita mia non ho mai conosciuto nessuno che avesse una cazzo di tata.

A quel punto tanto valeva fare entrare in studio direttamente una barca a vela e mostrare le migliorie apportate nel nuovo pozzetto in tek.

Biologico e listellato a mano da intillimani di stretta osservanza dalemiana

M’immagino le dure obiezioni che lo staff di Fassino avrà opposto agli autori di C’è posta per te in quell’occasione

La sua tata?? Ma voi siete impazziti!  È una cosa troppo di sinistra!! Ditelo che volete toglierci voti al centro!

Chiamatemi pazzo se volete ma certi giorni in cui mi sento particolarmente complottista ho come il sospetto  che Mediaset abbia influenzato i risultati delle elezioni negli ultimi vent’anni

Senatore Pdl (urlando) “Le elezioni non si vincono con le televisioni!”
Senatore di sinistra scaltro ( creatura mitologica che esiste solo nella mia testa) “ E allora regalatecele!”
“No, tanto non sapreste che farne: avete solo UNA Serena Dandini!” (risata diabolica)
“Dannazione ha ragione!”
(Non riescono a essere scaltri nemmeno nella mia immaginazione)

Alla luce del ruolo politico dei media (certo Berlusconi ha anche altri meriti oltre alle televisioni, ad esempio è vecchio, erotomane e racconta barzellette agghiaccianti sui malati di aids) ho creduto che la De Filippi per bruciare il sindaco di Firenze si sarebbe inventata qualcosa  come  mostrare foto compromettenti al preparatissimo pubblico di Amici

Ed ecco Renzi mentre legge un libro!
Buuuuuhhhhhhh!
Senza figure!
Uccidiamolo !!!!!

In realtà quello che è successo è che la De Filippi gli ha lasciato fare 4 minuti di marchettone.  Un monologo talmente privo di ostacoli che sembrava di vedere Grillo a servizio pubblico ma con meno sputazzi, avvisaglie di Alzheimer e senza  nessun Travaglio sullo sfondo con lo sguardo in trance di chi sogna di costruire una nuova Berlino monumentale le cui rovine debbano rimanere ad eterna memoria del Reich a 5 stelle. (( Non so perché ma ultimamente Travaglio mi ricorda Albert Speer solo un po’ più incazzato ))

Ovviamente un giorno bisognerà anche chiedersi il perché di questo favore fatto da Mediaset a quello che a oggi è ancora un membro del PD. Ma prima andiamo a vedere cosa ha detto il nostro eroe.

Come prima cosa bisogna dire un’ovvietà: Renzi sa comunicare. Un qualsiasi elettore socialdemocratico occidentale a questo punto direbbe “Grazie al cazzo è un politico”, un elettore italiano di centrosinistra invece accende ceri e fa maratone ex voto nel deserto del Sahara per ringraziare gli dei.

D’Alema “Ehi questo sa raccontare delle storie!”
Bersani “Dovevamo gettare la sua cesta nel Nilo quando era piccolo”
D’Alema “No, era una cesta buona: l’avevano intrecciata degli amici miei intillimani, gente fidata”

Il contesto

Renzi era ospite a un talent show di gente che nella vita vuole danzare e cantare ma, se non ci dovesse riuscire, ha anche progetti concreti come diventare il nuovo bomber del Napoli o la velina bionda di Striscia la notizia. Sono la caricatura della working class restituita da 20 anni di berlusconismo televisivo o come lo chiamo io “La più grande riproduzione socio-culturale del bombardamento di Dresda”.

Ovviamente prima di analizzarlo bisogna chiedersi quanto sia rappresentativo della visione politica di Renzi  un discorso tenuto a un talent show televisivo.

Credo molto e per alcuni semplici motivi: 1. con questo intervento Renzi ha rotto un silenzio autoimposto in un momento cruciale per la sua carriera politica e per il Paese 2. per farlo ha scelto sì un format internazionale ma che in Italia viene mandato in onda dalle tv di Berlusconi, un messaggio simbolico molto forte 3. si è rivolto il sabato sera ad una platea che il centrosinistra da anni non riesce più a intercettare, ma anzi è lo zoccolo duro del berlusconismo.

Per tutti questi motivi anche se non si può certo ridurre tutto il suo programma politico a questo intervento vale comunque la pena di analizzarlo.

Renzi appare in giacca di pelle (un indumento che ormai usano solo lui e il mio coinquilino) e viene accolto da un boato da questa gente che sogna di farcela e di vivere un giorno in una villa di Roma nord e poter chiamare i propri figli Ggessica e Brandon e non immagina con quanta sufficienza li guarderà la servitù di Santoro dalla villa di fianco.

Il discorso

È molto difficile oggi parlare di speranza (…) soprattutto però io vorrei dirvi da parte di un sindaco, da uno che fa quella parola brutta, che fa “politica”, noi ci aspettiamo da voi che ci diate una mano a costruire questa speranza”

L’incipit sembrerebbe un omaggio indiretto a Berlusconi e Grillo, Renzi dice di essere uno che fa “Quella parola brutta: politica”. Pare quindi accettare il frame di significato degli avversari (che si pongono in modi diversi come fuori dalla politica o l’anti-politica) ma poi grazie a dio non si avventura in patetiche storie di tacchini sui tetti o foto davanti al benzinaio di famiglia (ovviamente ESSO perché non c’è limite al masochismo politico del Pd) e opera invece un ribaltamento. In altri termini prima usa una finta debolezza per creare empatia poi compie il rovesciamento tramite la famosa chiamata alle armi kennediana.

Qui il format è il classico “Non chiederti cosa può fare il tuo paese per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese mentre io mi scopo Marylin sotto roipnol”

Cosa posso fare IO per il mio paese? Mi è rimasto solo un rene, volete anche questo?
Solo se a te non serve

Dopodiché parte il classico arco narrativo dell’autoaffermazione, siete qua per farcela o almeno continuare a lottare. Non sarebbe bello se poteste lottare ad armi pari e sfondare solo grazie al vostro sudore?

La prima versione del discorso diceva “ Solo grazie al vostro Phd in microbiologia a Stanford” ma poi quel deficiente del ghostwriter è stato rimandato a editare gli articoli di Micromega

Un approccio che funziona alla grande in momento storico al cui cospetto l’alto medioevo era un’epoca estremamente meritocratica.

Rispetto alla narrazione classica dello spettacolo tv, abituata a esporre e cibarsi in egual modo di vittoria e sconfitta ma teorizzare esplicitamente sempre e solo la prima, Renzi compie un passettino in più  e riconosce esplicitamente l’esistenza della sconfitta. Non tutti possono stare in cima al mondo, nemmeno se pagano in comode rate.

Tan 4.9% Taeg 5,6 % (Qualsiasi cosa questo significhi)

 L’importante però è che mentre provi a farcela non perdi la faccia. Introduce una morale light (salvare almeno l’autostima) nel grande viaggio verso il successo

Mi stai dicendo che non devo fare pompini a un settantenne per entrare in parlamento?
Beh, dipende da quanto è efficace il tuo sapone per il viso

Qua ci troviamo di fronte a quella che potrebbe essere anche letta come un’umanizzazione del discorso di Berlusconi. Silvio non perdeva mai, a Matteo invece qualche volta capita ma in ogni caso non si arrende mai. Il mai è un assoluto di default.

Diciamo che l’idea di un settantaseienne con la faccia fatta di plastica ossessionato dalla figa giovane e solo al mondo, ha smesso per molti di essere un esempio credibile di “uomo che ha sempre vinto”. Chi ancora non se ne è ancora reso conto probabilmente è  troppo impegnato a soffiare nella sua bambola gonfiabile.

L’uomo che anche se fallisce non molla mai” è un modello molto più efficace in tempi di crisi in cui l’annichilimento della speranza, il confronto con l’ingiustizia e in ultima analisi la sconfitta, sono la pratica quotidiana di milioni di persone. Inoltre, cosa da non sottovalutare, questa è una narrazione compatibile con la biografia di Renzi che si è preso una sonora trombata alle primarie.

Ora tutto questo è molto motivational e ricorda molto da vicino le riunioni aziendali in cui i dipendenti vengono incitati da dirigenti o ospiti speciali, come dei famosi sportivi,  a dare il meglio di sé.

Se io ho vinto il Tour de France tu puoi tranquillamente vendere 225 aspirapolveri in un pomeriggio!
Nonvedolaconnessionelogica ma Sìììììì!!!

Il brodo di cultura fra tv commerciale e aziende è infatti molto simile.

Al tempo stesso però questa figura dell’uomo che ce la fa solo per i suoi meriti evoca anche un’Italia migliore rispetto a quella corporativista e familista dove viviamo adesso. Avvertite una leggera vibrazione inquietante in questa ambivalenza? È l’aziendalismo che ha pervaso il nostro immaginario fino a reificarlo completamente, la felicità è necessariamente affermazione sociale ovvero economica.

Sorvoliamo sul fatto che non ci vengono fornite indicazioni su come ottenere questi risultati politici perché 4 minuti ad Amici non sono la sede migliore per entrare nello specifico del proprio programma senza che qualcuno dei ragazzi crolli esanime a terra.

Bersani “Allora Sharon la cosa più importante adesso è immettere liquidità nella aziende anche perché i bilanci consolidati del 2012…”
Partecipante di amici “In realtà mi chiamo Nunzia e se non la smette subito di parlare morirò”
Bersani “Cara Nadia vuoi allora che ti parli del cuneo fiscale ?
Assistente di regia “Chiamate un’ambulanza Nunzia è svenuta!”
Bersani “Ma non si chiamava Nadia?”
D’Alema “No, mi sembra Sharon”
 

Da Erasmo da Rotterdam a Brunelleschi, il vecchio Tòpos della follia

Renzi ha concluso il suo discorso raccontando la storiella di Brunelleschi che veniva considerato pazzo dai suoi concittadini  ma poi riuscì a far stare in piedi una cupola in un modo che non era mai riuscito a nessuno. Il primo paragone che salta in mente è ovviamente la storiella della prefazione all’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam scritta dal giovane Berlusconi. In realtà però quello della follia è un tòpos della politica molto usato, è la porta sul mondo delle emozioni che si varca per bypassare d’un colpo tutte le contraddizioni della società capitalista.

Il mondo fa schifo? Sorridi!

La nostra è una società che persegue con mezzi razionali scopi irrazionali e questo da origine ogni giorno a milioni di “morti di senso” nella vita di ogni uomo.

La politica di sinistra di un tempo puntava al superamento della contraddizione, io mi accontenterei di tenerle sempre presenti e agire di conseguenza,  la tecnica politica comunicativa di oggi (ma in modi diversi anche quella totalitaria) punta invece  al loro occultamento attraverso lo slancio dell’emozione, il protarsi infinito verso un obbiettivo fittizio ma affascinante. Questa roba effettivamente funziona e alla grande perché è semplice, immediata e abita proprio nel cuore delle persone. Peccato che sia finta e prima o poi lo si scopra sempre.

Per questo Obama è passato da “Yes we can” a “Non vorrete mica un repubblicano allla Casa Bianca vero?”

Se non si interviene in maniera strutturale usando un approccio razionale l’appello al cambiamento tramite la follia rimane pura tecnica di marketing.

Può funzionare ma da sola non basta, specie quando apre all’uomo solo, e ispirato, al comando.

Fatta questa questa doverosa specificazione arriviamo al cuore dell’analisi.

Cosa manca 

Pur considerano Renzi come il candidato ultra moderato dell’ala liberal che più liberal non si può del PD, nel suo discorso salta subito all’occhio una mancanza enorme per uno che ambisce  guidare il centro sinistra.

Non c’è nemmeno un riferimento, un accenno, alla comunità, alla dimensione sociale dell’uomo

Nel mondo tratteggiato da Renzi ad Amici ci sono solo persone singole che lottano per la loro autoaffermazione (sottotesto: uno contro l’altro) alcuni ce la fanno, altri (la maggioranza) se la prendono nel culo ma sorridono al destino avverso con bonaria ostinazione e ci riprovano.

È vero, le cose là fuori stanno effettivamente così.

Rispetto alla nostra società lo stato di natura Hobbes è La Melevisione

Io però vorrei sapere dal probabile candidato del centrosinistra cosa ha intenzione di fare per quelli che nello scontro soccomberanno. Evitare cioè la rimozione dal discorso politico di milioni di persone.   Un obbiettivo questo che non va contro la meritocrazia, garantire ai più bravi e talentuosi la possibilità di emergere è doveroso, ed è ora che qualcuno lo faccia davvero in questo Paese invece che dirlo solamente.

Ma un’azione politica anche solo vagamente di sinistra non può concludersi qui, altrimenti siamo sulle posizioni di uno qualsiasi dei tanti partiti liberali europei.

La meritocrazia di per sé non è un tema di destra o di sinistra, è un prerequisito delle società libere e democratiche oltre che una necessità fondativa per la loro stessa sopravvivenza (se non coopti i migliori agli alti livelli decadi inevitabilmente. Cfr. Italia)

Lo so, nel 2013 c’è ancora gente di sinistra che crede che meritocrazia sia un concetto necessariamente di destra. Queste persone una volta nell’aldilà espieranno per l’eternità i loro peccati  girone dell’inferno “Fila infinita alle Poste con impiegato fancazzista”.

Non dimentichiamoci che l’altra faccia dell’assenza di meritocrazia è una classe dirigente che nonostante vent’anni di fallimenti sistematici e clamorosi se ne sta ancora lì, saldamente in piedi sul ponte della barca che affonda, con stampato in faccia un sorriso da sberle.

La meritocrazia è un pre-requisito di ogni società che non voglia essere un’oligarchia familistica. Per cui ben venga ma andiamo oltre, qual è la  visione del mondo di  Renzi? Un posto d’individui perennemente in guerra fra di loro ma secondo regole ferree e meritocratiche? Dove “regole ferree e meritocratiche” è l’unica concessione alla guerra senza quartiere di uomo contro uomo?

Personalmente sono un individualista, chi segue Quit lo sa bene. Ma per quanto io sia un libertario per quanto concerne i comportamenti privati,  sono al contrario un convinto socialista per quanto riguarda la sfera pubblica.  Non voglio intromissioni nella mia vita privata ma quando si arriva al lavoro, all’economia, alla vita pubblica e da lì alla politica, in carica voglio qualcuno che garantisca il bene della mia comunità. Per mille motivi. Primo perché da soli siamo fottuti prima ancora di incominciare mentre assieme siamo più forti e ne beneficiamo tutti. Quando si tratta di comunità di uomini il potenziale non è il frutto di un’addizione ma di una moltiplicazione, per questo pur nella mia solida misantropia culturale sono assolutamente sicuro che da solo starei molto peggio. Sono gli altri esseri umani che danno il vero valore aggiunto alla nostra vita. Questo è un tema infinito e non pretendo certo di esaurirlo qui ma una cosa mi preme dirla comunque:

Il mito del self made man è appunto un mito. Pervicace e deleterio e tuttavia totalmente falso, ciononostante da Reagan e la Thatcher ( by the way porta i miei saluti a Satana) in poi costruiamo la nostra società su di esso.

Nessun uomo ce la fai mai da solo, anche i più brillanti devono ringraziare qualcuno, sia esso la sua famiglia, i suoi insegnanti, gli amici, la persona che amano, lo Stato o altre istituzioni intermedie. E’ quasi un tabù dirlo ma è così. Questo vale per il piano economico come per quello strettamente umano.

Togliete alla vostra esistenza tutto quello che non è lotta per l’autoaffermazione economica.

Riuscireste a vivere con quello che rimane?

Non credo.

Ben venga la sfida, la meritocrazia ma io voglio che nella visione del mondo di un leader di centrosinistra debba trovare spazio anche quella difesa della comunità come luogo di elezione dell’essere umano prima ancora che come salvagente sociale.

Nessuno può mai farcela veramente da solo e i beni sociali sono i più importanti che abbiamo, quelli che fanno veramente la qualità della vita.

Ad Amici Renzi ha rotto il frame della narrazione del talent show tematizzando esplicitamente la sconfitta e tirandola fuori dal cono d’ombra in cui la società dello spettacolo capitalista la confina. È stato un piccolo passo avanti ma avrebbe potuto e dovuto fare di più: ricordare che è l’Italia del futuro è quel paese meritocratico dove però nessuno sconfitto sarà abbandonato a se stesso e dove la cooperazione sarà importante tanto quanto, se non più, della competizione individuale.

Qui siamo ovviamente agli elementi basilari di una sinistra molto moderata, ma è su questi principi guida che si costruiscono poi i provvedimenti concreti che sostanziano la visione del mondo. Non sono questioni irrilevanti ma al contrario fondative.

Uno che riusciva molto bene in questo pur avendo uno stile comunicativo (o non-comunicativo ma in modo talmente esplicito da risultare comunque efficace) era Romano Prodi. Il motivo perché ogni volta che gli hanno permesso di provarci ha sempre battuto Berlusconi è che alla visione liberista del self-made man sotto Cialis ha opposto in maniera credibile il frame pacato della comunità cooperante ed equa.  Se avete dei dubbi a riguardo andate a rivedervi i dibattiti Berlusconi vs Prodi per le elezioni del 2006, il professore è stato l’unico leader del centrosinistra di questi ultimi vent’anni a fornire una narrazione alternativa (se pur in modo ultra moderato) a quella del neoliberismo. Non a caso ha vinto due volte su due.

Renzi deve aprire la sua, pur efficace, narrazione liberale a questi valori per sfondare a sinistra pur senza perdere terreno al centro.  E deve farlo, cosa più importante, per diventare esponente a pieno titolo di un progetto politico che voglia migliorare il mondo, non solo governarlo, altrimenti chi dice di lui che è un candidato di destra avrà assolutamente ragione.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in ANALISI NON RICHIESTE, ARCHIVIO, giornalismo accidentale, GREATEST HITS e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

576 risposte a COSA HA VERAMENTE DETTO MATTEO RENZI AD “AMICI”

  1. alberto vescovini scrive:

    Secondo me Renzi in questo momento storico rappresenta l’unica reale alternativa al ritorno del berlusconismo decadente (che, in quanto tale, potrebbe sferrare il colpo di coda micidiale al senso etico degli italiani) o al totalitarismo in franchising di grillo.
    non mi esalta, non è l’uomo dei sogni, non l’ho votato alle primarie ma adesso non vedo nessun attore politico megliore in circolazione che abbia qualche chanche di aggregare consenso maggioritario.
    credo che sarebbe un errore mortale per il PD buttarlo fuori, solo mantendo Renzi dentro il partito è possibile “arginare” la sua naturale deriva destrorsa ed introdurre nella sua narrazione politica la dimensione “collettiva” di cui Quit giustamente parla.

  2. Attilio Rossi scrive:

    Come sempre molto bello e divertente.

    Però sul fatto che Renzi sia un candidato per la destra io non avrei più molti dubbi. Anche se inserisse in futuro nella sua narrazione, cosa molto probabile, elementi cooperativi e partecipativi attenuando una leadership forte che sicuramente incarna, quali elementi abbiamo per sapere che non siano solo le ennesime chiacchere?

    Al contrario, cominciano ad accumularsi gli elementi che ci fanno pensare ad un bravo affabulatore di destra. Due su tutti, senza tediare oltre:
    1- Non voglio esagerare in rivisitazioni storiche, ma alzi la mano chi si ricorda qualcosa di sinistra fatta dal PD. Ecco, lui rappresenta l’ala più liberal del PD.
    2- Opinione personale e capisco impopolare, tra grillini e cricche varie, ma eliminare i finanziamenti ai partiti, cosa che Renzi sbandiera più di chiunque altro nel PD, spalancando di conseguenza le porte ai finanziamenti privati (che finora entravano di soppiatto dalla finestra e quando venivano smascherati provocavano un certo imbarazzo) a me non rassicura. Ma proprio per nulla.

    Parafrasando un geniaccio,
    se la risposta della sinistra è Renzi, significa che la domanda è sbagliata.

  3. Fabio scrive:

    Guarda, io sono uno che probabilmente voterà Renzi. Ma che preferirebbe ancora e ancora e ancora Prodi, unico Leader che ha provato a far qualcosa per il paese negli ultimi 20 anni.

  4. Caligolas scrive:

    Non sono solito replicare a post con il semplice codazzo di “bene, bravo bis” ma stavolta me lo tiri veramente fuori dalla tastiera. Sono 6 mesi che assistiamo a questo stucchevole rincorrersi di etichette intorno alla figura di Renzi, tra ultras radical chic dell’apparato che girano con l’aglio in tasca per disinfettare ogni cosa da lui toccata e tredicisti del giorno dopo “ah, ci fosse stato Renzi…” e nessuno che sia mai riuscito ad andare oltre nell’analisi. Bravo, bravo davvero. Così si fa giornalismo.

    P.S: pur riconoscendo quel che tu dici il due dicembre votai l’uomo solo al comando. Perchè sono convinto che sia un “male necessario” e che il PD, che pur con tutti i suoi limiti resta l’unico partito rimasto sul pianeta italia dove la democrazia conta ancora qualcosa, sia in grado di offrire la dimensione sociale alla sua narrazione liberale.

  5. Dario scrive:

    Mi sembra un’ottima analisi, fa ridere pure quindi perfetto.
    A me il Renzi sta decisamente sulle balle, è proprio una sensazione a pelle, non ci posso far niente.
    Sarà pure bravo a comunicare, ma credo sarebbe una tragedia se diventasse il leader del più importante partito del centro sinistra (di cui non sono un elettore). Magari le vince le elezioni, su questo non ci piove.
    Ma mi domando: cosa ce ne facciamo, noi che ci ostiniamo a essere di sinistra e a desiderare una società migliore, di uno che ha come fare in economia Monti o Ichino?
    Tralasciando la pochezza culturale del soggetto. Giusto ad Amici può spopolare. Sarò snob, e molto probabilmente non c’entra un cazzo con i problemi dell’Italia, ma io uno entusiasticamente appoggiato da Jovanotti e Baricco non lo voto per principio.
    Un appunto al buon Quit: rivedi il post, ci sono un po’ di errori.
    Hai scritto un accenno con l’apostrofo, quando l’ho letto stavo per svenire.

  6. Stefano Bonino scrive:

    Questo blog é un piacere per l’anima, analisi approfondite espresse con leggerezza e buongusto.

    Una cosa peró non la riesco proprio a capire: perché tutti, ma proprio tutti danno per scontato il fallimento dei politici degli ultimi 20 anni, questo non ha senso.
    20 anni fa eravamo nel pieno di tangentopoli, il CAF, Craxi, Andreotti e Forlani dettava legge, il paese era in una profonda crisi economica, la sinistra con i governi Ciampi, Prodi, D’Alema e Amato riuscí a risollevare il paese, centró l’obiettivo considerato impossibile di entrare nell’euro. Il ritorno al potere del berlusca nel 2001 distrusse sistematicamente quanto di buono fatto in precedenza. Questo é un fatto.
    Il primo ad attaccare tangentopoli, creando questa nostalgia ante 92 é stato il berlusca quando, per rinforzare la sua guerra contro i giudici, cominció a dire che tangentopoli era stato un golpe dei giudici. Il ciarlatano urlante ha continuato con questa logica dei 20 anni, allo scopo di dimostrare l’uguaglianza tra destra e sinistra, essendo questo l’unico arco temporale in cui i due schieramente hanno governato praticamente per lo stesso tempo, tralasciando il come hanno governato.

    Fino a qui tutto bene, ma perché anche gli ultimi raziocinanti di questo folle paese accettano questa mistificazione? Pochi giorni Marco Bracconi sul suo blog su Repubblica, adesso lei danno per scontato il fallimento della politica degli ultimi 20 anni. Questo, secondo me, é il punto. D’Alema non mi é simpatico, ma lascio il governo con una dignitá che non si é mai vista nella storia della Repubblica italiana.

    Serve un ottimo venditore per un prodotto scadente, mentre per un prodotto buono per venderlo bisogna conoscerlo.

    • Attilio Rossi scrive:

      “I am sure the Euro will oblige us to introduce a new set of economic policy instruments. It is politically impossible to propose that now. But some day there will be a crisis and new instruments will be created.” Romano Prodi, intervista al Financial Times del 4 dicembre 2001. (Lo so, in Italia ce la raccontava un tintinino diversa)

      Comunque, se leggendo questa dichiarazione si avverte qualcosa di stonato ma non si capisce cosa, non è grave: 20 anni passati col naso esposto ai fumi dell’acquaragia intenti a smacchiare giaguari avrebbero stonato chiunque.

  7. frabur scrive:

    bel pezzo bel ragionamento… un pò vintage perchè c’è un sottofondo di analisi critica decadente novecentesca …. credo che la dimensione sociale sia solo una necessità per la sopravvivenza che i prossimi progressi tecologici, medici, chimici, fisici, renderanno via via più fumosa come accade ormai da millenni…nel frattempo concordo sul godersi il tramonto!

    • frangimerda scrive:

      Ma di quali progressi tecnologici vai cianciando?

      Il nostro attuale “benessere” rispetto, non so, alla fine dell’800, è dovuto a uno sfruttamento intensivo del capitale energetico fossile della Terra che sta-finendo-velocemente.

      In fisica non si fanno progressi significativi da decenni.
      L’informatica, il campo “chic” per eccellenza, è rimasto praticamente fermo agli anni ’80.
      Pensa a quello che pensavano di fare con l’IA negli anni ’70, pensa a Tony Hoare che pensava di avere la verifica automatica del software in pochi anni.

      Qualsiasi apparente “progresso” è semplicemente dovuto alla capacità dell’industria di mettere più transistor in un wafer di silicio con l’impiego di maggiori quantità di energia, giustificato soprattutto da un’economia di scala traballante.

      Quella di “non ci serve uno stato sociale, ci penserà la cornucopia tecnologica” è un’idiozia che non può nemmeno essere quantificata a parole.

      (E anche fosse, la cornucopia tecnologica la dovresti alimentare mettendo almeno la carta igienica nei cessi delle università, cosa che non mi pare nelle priorità di nessuno, oggi).

  8. alessandro scrive:

    Non hai capito niente di Renzi, la sua idea sul lavoro è la flex security che garantisce di potersi riqualificare lavorativamente senza perdere lo stipendio. Mi sembri uno dei classici left che giudicano Renzi dall’incontro di Arcore o da un discorso di 4 minuti ad Amici. Penso che sia proprio per colpa di questi atteggiamenti che la sinistra perderà sempre più voti essendo incapace di comprendere proprio le classi non istruite e semplici. Troppo intenti come siete a giudicare come idioti i semplici che guardano amici o come stupidi quelli che ridono alle battute di berlusca. Finchè non si cambierà mentalità siete condannati a perdere in eterno, buona sconfitta.

    • nicola scrive:

      ma di che flexsecurity parli? quella di ichino? Quella solo flex e niente security? Lo sai che il livello di tassazione dei paesi con la flexsecurity è di 8-10 punti più alto che in Italia? Pensi che Renzi proponga queste tasse maggiori? Meglio essere un classico left che parlare a vanvera

    • alessandro scrive:

      Si infatti in Danimarca, Norvegia e Germania usano questo sistema e stanno molto peggio di noi….ma in che mondo vivi?DOCUMENTATI!

  9. Nicola Bernini scrive:

    Analisi davvero molto interessante.

    Mi permetto alcuni appunti in pubblico:
    - il Look
    Renzi è un classe ’75 e lo hanno vestito come il classico vecchio che vuole fare il giovane, scadendo così nel ridicolo.
    Pensare che da anni cercano di risolvere il medesimo problema comunicativo con Maria de Filippi con risultati, a mio avviso, scarsi (eufemismo) che però passano in secondo piano perchè tanto Maria non viene considerata propria una vera donna ma più che altro una specie di Robot tipo quello di Metropolis.
    L’obiettivo era come sempe limitare i danni per cui meglio Fonzie che Maestrino ingiaccato.

    - il Discorso e l’Analisi
    Sostanzialmente mi ritrovo quasi in toto nell’analisi, ma c’è un tema che a mio avviso non è stato sviscerato adeguatamente e che, secondo me, era tanto strisciante quanto importante: quello dell’obbedienza acritica.
    Renzi ha (apparentemente) “obbedito” alle regole del Partito e accettato la sconfitta alle primarie, in modo acritico.
    A prima vista sembra un eccellente esempio di fair play, ma così facendo molti delusi si sono spostati sul M5S come l’esito delle elezioni ha ampiamente dimostrato.
    Sorvoliamo sull’ipotesi che questa potrebbe essere stata una strategia e pensiamo al messaggio che veicola l’esempio per i giovani, che io lo leggo in questo modo
    “Non importa che tu vinca o perda, l’importante è rispettare le Regole del Gioco”.

    Si ma se le Regole sono sbagliate, non è più importante cambiarle ?

    Sinceramente ho trovato Amici un’eccellente metafora del Modello di Vita che vogliono propinare ai giovani:
    la Vita per voi giovani è così, conta il Talento, la Competizione, il Migliore, solo Uno.
    Chi vi giudica e decide del vostro futuro sono: le generazioni passate che ora occupano
    tutti i posti di potere (metaforicamente le cattedre) e il Mercato (metaforicamente la gente a casa).
    Certo le regole possono non essere perfette, infatti cambiano in continuazione, certo qualcuno rimarrà escluso e certo si soffre, ma il fatto che Emma sia uno dei Coach di quest’anno significa che anche voi potete farcela, anzi che dovete farcela !

    L’importante è però non criticare mai le regole, soprattutto non criticare il Format !

    Se lo fai è perchè sei scarso, improduttivo, debole, emotivo e queste non sono caratteristiche che contraddistinguono il Migliore.

    Guarda anche il Format di Amici: è passato dal proporre la semplice performance artistica, agli RVM (catturando così alcuni spezzoni della vita privata), ad una specie di Grande Fratello e tutto per un semplice motivo: tutto è performance!
    Non c’è più la dimensione pubblica e privata: il Talent non ti compra come artista ma come persona (la scusa è che ancora artista non sei) e quindi non ti consuma come artista ma come persona.

    Concludendo trovo che il lavoro, estremamente subdolo e pericoloso, che stanno facendo sui giovani sia quello di inculcare loro l’atteggiamento acritico verso il Sistema e le sue Regole: la rabbia viene incanalata nelle performances, diviene rabbia produttiva anzichè distruttiva come dovrebbe essere affinchè il Sistema possa essere ricostruito.

    Detto Nietzscheianamente, ci vorrebbe un Leone.

  10. dariob scrive:

    divertente e interessante.

    pero’ :

    1) non ho capito che problema c’e’ con le tate. Io non l’ho mai avuta la tata, ma se dei genitori lavorano e i nonni non sono a disposizione che si fa? Babysitter, anche detta tata. Credo ce l’abbiano molti a sinistra.

    2) grande Prodi, miglior presidente del consiglio che si ricordi. Ma i tempi cambiano in fretta, tant’e’ che Bersani secondo me e’ quanto gli si avvicinasse di piu’ (e si puo’ dire certamente che anche lui in campagna elettorale “ha opposto in maniera credibile il frame pacato della comunità cooperante ed equa”) ma non e’ andata molto bene.

    • Rita scrive:

      Dario, “se dei genitori lavorano e i nonni non sono a disposizione” si va all’asilo che dovrebbe essere un diritto di tutti, uno dei beni comuni e sociali di cui sopra, ma che invece non è e quindi si finisce che le donne stanno a casa a badare alla prole, se non ci sono i soldi per l’asilo o peggi’ancora per la tata. Ah, aspetta che però i saggi hanno detto che bisognerebbe “favorire il telelavoro per aumentare occupazione femminile”, stiamo a cavallo allora.

      Detto questo Quit, visto che il mio commento sentimentale e poco costruttivo l’hai eliminato (il concetto però rimane :-) ), ne faccio uno più sensato. Io non sono proprio sicura che per l’italiano medio il bene sociale sia una priorità, è forse per questo che Renzi piace tanto?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Current month ye@r day *