Beppe Grillo, il baratro antidemocratico (Linkiesta)

  • 30 marzo 2014
Beppe Grillo. Francesco Zizola—NOOR for TIME

Questo articolo su Linkiesta mi è valso l’inserimento nelle liste di proscrizione di  Grillo. Beppe é fatto così, non fai in tempo ad accusarlo di essere un fascista, che lui ti mette all’indice sul suo blog confermando tutto. In redazione hanno lanciato in risposta l’hashtag #iostoconquit contro le liste di proscrizione per i giornalisti, cosa di cui li ringrazio.

Q.



Sabato scorso ho fatto colazione leggendo il reportage di Carlotta Gall sulla connivenza fra l’Isi, il servizio segreto pakistano, e Bin Laden. Un bel pezzo che racconta come degli apparati di sicurezza pakistani riescano da anni a giocare su due tavoli, avendo dall’altra parte non San Marino, ma la più grande potenza militare e tecnologica del mondo. Una volta finito di leggerlo, come sempre si fa con tutto il male che esce dalle pagine dei giornali, sia esso uno tsunami in Indonesia o un editoriale di Polito, ho riposto questa storia da qualche parte sul fondo della mente, sicuro che non ci avrei ripensato presto. Ero anche altrettanto sicuro che l’etichetta giusta per archiviare quei fatti fosse “cose che accadono dall’altra parte del mondo / riflessioni metodologiche sul giornalismo / fatti una vita Quit”.
La storia però è tornata fuori prima del previsto quando in serata (continua a leggere su Linkiesta)