LA SORVEGLIANZA DELL’NSA È MOLTO PIÙ VICINA DI QUANTO PENSIATE- intervista a Fabio Chiusi (Vice)

  • 29 ottobre 2013
769px-National_Security_Agency_headquarters_Fort_Meade_Maryland

 

Nel giugno del 2013 il mondo ha scoperto di essere sotto sorveglianza elettronica. È successo quando Edward Snowden, un dipendente dell’NSA—il servizio segreto interno degli Stati Uniti—è fuggito delle Hawaii a Hong Kong e ha consegnato a giornalisti del Guardian e del Washington Post documenti riservati che rivelavano l’esistenza di una gigantesca attività di spionaggio americana sui i dati elettronici dei cittadini stranieri e americani, una sorveglianza organizzata attraverso molti programmi con nomi e funzioni diverse, il più famoso dei quali è divenuto Prism.

Da lì in poi alle rivelazioni sui sistemi di sorveglianza ne sono seguite altre e si è scoperto che gli Stati Uniti probabilmente non sono nemmeno i soli a spiare i propri cittadini e quelli di altri Stati. In America, Francia, Germania e Inghilterra queste rivelazioni hanno creato un grande dibattito pubblico su privacy e potere. Meno intenso è stato l’impatto giornalistico e politico che queste notizie hanno avuto in Italia, impegnata a parlare indovinate un po’ di chi.

In questo scenario, uno dei pochi nel nostro Paese a occuparsi approfonditamente e con competenza di quella che a tutti gli effetti è una svolta radicale nella storia delle democrazie occidentali è stato Fabio Chiusi, giornalista e blogger. Con la recente rivelazione che anche i leader politici europei erano sotto controllo americano, la questione è tornata ad occupare le prime pagine dei giornali, comprese questa volta anche quelle italiane. Abbiamo perciò deciso di discutere con lui di sorveglianza elettronica, delle sue implicazioni per vita democratica e personale, oltre a chiedergli cosa dobbiamo aspettarci per il futuro e cosa possiamo fare per proteggerci dallo spionaggio della nostra vita privata.

VICE: I programmi di controllo sono pressoché infiniti: Prism, Blarney, Xkeyscore, Boundless informant… come si differenziano? ( Continua a leggere  su VICE cliccando qui )